Crea sito

Kill or Be Killed vol.1 | Recensione

Tempo di lettura: 2 minuti

 Chi merita veramente di morire?

Cosa succerebbe se improvvisamente, in punto di morte, vi venisse data una seconda chance e questa dovesse essere ripagata con un “canone” di omicidi? Questa é più o meno la premessa di ‘Kill or Be Killed’, serie Image del duo Ed Brubaker (Criminals, Gotham Central, DareDevil) e Sean Phillips. Dylan, studente universitario giovanissimo e incasinato come tutti, si ritrova a uccidere per ripagare la sua seconda possibilità. Il problema è: Chi merita veramente di morire?

Kill or be Killed number 1 cover

Una serie che mi ha sorpreso in più di un momento. L’occhio di Ed Brubaker non può essere più lontano dalle storie fatte di ‘tutine’ e latex. La storia è di quelle crude, senza filtri, senza edulcoranti. Azioni, dubbi, pensieri, movenze espressioni sono proprie di personaggi calati alla perfezione nei loro ruoli. Il districarsi della trama inoltre, non è così banale come si può immaginare.  Come sempre, al fianco dello scrittore statunitense, troviamo il – sempre in forma – Sean Phillips.

page from Kill or be Killed #2

Gran parte degli sforzi della sceneggiatura sono diretti a rendere realistico e convincente l’intero contesto in cui si muove il nostro protagonista. Brubaker ci permette di immergerci completamente nei pensieri e nei dubbi che angosciano il ragazzo, tracciando una figura sfaccettata, complessa e che non esita nel mettere in discussione anche le proprie scelte. La riuscita di questo prodotto deve tanto anche al tratto dello stesso Phillips. L’artista è infatti capace di cogliere sempre il fotogramma più adatto a rendere fluida e credibile la storia, specialmente nel suo alternarsi di campi e controcampi. La ‘messa in scena’ della sceneggiatura (perdonate il gioco di parole) giova a pieno delle capacità dell’artista, grazie alla sua grande capacità di comunicare tramite “silenzi” e immagini. Concludendo ‘Kill or be Killed’ è un thriller che convince sotto tutti i punti di vista. A questo punto spero solo che venga annunciata al più presto una edizione italiana.